BioSynt è la tecnologia per la salvaguardia delle attività vitali da campi di disturbo artificiali (elettrosmog) e naturali (geopatie).

La nostra mission ha orientato la ricerca nell’individuare soluzioni alternative rispetto a quanto già presente sul mercato della prevenzione e difesa dall’elettrosmog. Così abbiamo pensato di sviluppare il know-how di un nostro partner. Le forme di protezione ricercate sul mercato spesso implicano costi rilevanti. Abbiamo constatato che una forma di difesa potrebbe consistere in soluzioni schermanti, ma queste si sono rivelate onerose, spesso poco efficaci se non addirittura dannose o controproducenti. Altro obiettivo era quello di fornire una forma di prevenzione reale a bassi costi di produzione ovvero che fosse di facile utilizzo ed accessibile a tutti. Ci è sembrato più opportuno e intelligente ricercare soluzioni che agiscano sull’effetto (sul corpo umano) invece delle succitate che pretendono di agire sulle cause. Quindi, essendo peraltro oneroso oltre che poco pratico intervenire sulle condizioni ambientali, la ricerca è stata indirizzata per attenuare e prevenire gli stati infiammatori e più in genere i malesseri derivati da squilibri elettromagnetici del corpo, agendo sui sistemi biologici ed elettrofisiologici dell’organismo. È impensabile credere di superare le criticità che comportano le soluzioni di schermatura ambientale in ordine di fattibilità ed in ordine di economicità. Allo stesso modo risulta altrettanto velleitario credere di poterlo fare con soluzioni o supporti di massa trascurabile, come gli oggetti di comune uso personale. In altre parole le frequenze disturbanti hanno lo scopo di far funzionare gli apparati della tecnologia moderna. Agire su di esse vorrebbe dire rischiare di compromettere il loro regolare funzionamento e quindi indirettamente avere l’ambizione di fermare il progresso tecnologico; pensare ad esempio di influire sulle prestazioni ed effetti ambientali di un elettrodotto da centinaia di migliaia di Volt, con un comune supporto, risulta evidentemente fuori proporzione. Per tutto questo la ricerca si è concentrata nella progettazione di soluzioni praticabili con l’utilizzo di oggetti personali, di uso frequente e costante che aiutassero le persone ad autodifendersi, preservando e regolando i normali equilibri vitali.

La BST (BioSynt Technology) è una Bio Tecnologia poiché si tratta di una nanotecnologia capace di influire sulla biologia. La BST è potenzialmente configurabile su diversi supporti e materiali, su polimeri molto diffusi e di nuova generazione, per dispositivi (sensori) wireless passivi (WPS o WPD), con lo scopo di raggiungere e mantenere un’attività elettromagnetica coerente per il mantenimento delle attività vitali.

BioSynt
TECNOLOGIA PER LA tutela DELLE ATTIVITÀ VITALI che preserva Dai potenziali EFFETTI DEI CAMPI ELETTROMAGNETICI
« 1 di 26 »

Il dispositivo come un sensore passivo, sente ovvero rileva l’emanazione elettromagnetica del corpo ovvero il suo calore e lo influenza quel tanto che basta per normalizzare, in tempo reale, le variazioni bioelettroniche istantanee provocate al corpo quando sopraggiungono interferenze elettromagnetiche significative. Ciò lo rende un efficace supporto di prevenzione.